Il Premio Serao 2021 verrà consegnato mercoledì a Carinola ad Agnese Pini, direttrice del quotidiano La Nazione di Firenze. Quest’anno la cerimonia, prevista per le 18,30, si svolgerà non a Palazzo Petrucci, come è avvenuto in tutte le precedenti edizioni, ma nella piazza Vescovado, per assicurare il massimo delle condizioni di sicurezza anti Covid. Agnese Pini, scelta dopo un accurato lavoro di selezione della giuria presieduta da Federico Monga, direttore del Mattino, è la prima donna in 160 di storia a dirigere il giornale con il quale, peraltro, a soli 21 anni, aveva cominciato a collaborare.Nata a Carrara trentasei anni fa, laurea con lode in Lettere, dopo aver frequentato la Scuola di giornalismo Walter Tobagi di Milano, cominciò a occuparsi di cronaca nera e giudiziaria per Il Giorno e a collaborare con l’agenzia Ansa, con Il Gruppo editoriale L’Espresso e con Mondadori. Tornata nel 2016 alla Nazione, edizione di Siena, come vice caposervizio, l’anno successivo passò alla redazione fiorentina, prima come vice capocronista e poi come vicedirettrice del quotidiano, fino a quando, nel 2019, ne assunse la direzione. «Sono felicissima e onorata di ricevere questo riconoscimento e grata a chi ha voluto attribuirmelo», ha dichiarato Agnese Pini. «Matilde Serao è stata una grande donna e una grandissima giornalista, un esempio per tutte noi. E – ha aggiunto – dovremmo esserle riconoscenti anche perché è ancora oggi un modello di riferimento per chi svolge la nostra professione».Il Premio fu istituito nel 2001 con delibera dal Comune di Carinola, la cittadina di cui era originario il padre di Matilde Serao, Francesco, e dove per qualche tempo visse la scrittrice e giornalista, fondatrice con il marito Eduardo Scarfoglio del Mattino, che lo patrocina fin dalla prima edizione. Duplice l’obiettivo della iniziativa: da un lato, celebrare una figlia illustre, dall’altro far conoscere un luogo che conserva prestigiose testimonianze artistiche, architettoniche e storiche, la «Pompei quattrocentesca», come la definì lo studioso Massimo Rosi nella pubblicazione che dedicò alla cittadina. Matilde Serao, prima di intraprendere quella che fu per tutta la vita la sua attività e la sua passione di giornalista e scrittrice, lavorò come telegrafista nelle Poste. Da qui il coinvolgimento anche di Poste italiane spa che da alcuni anni partecipa all’evento. Ricco e articolato il programma della manifestazione, coordinato dalla giornalista e co-fondatrice del Premio, Lidia Luberto, e introdotto da Antonio Corribolo, presidente Associazione Matilde Serao nonché ideatore dell’iniziativa.Dopo il saluto del commissario straordinario al comune di Carinola, Stella Fracassi e del prefetto di Caserta, Raffaele Ruberto, e l’intervento di Giuseppe Lasco, condirettore generale di Poste italiane spa, nonché cittadino emerito di Carinola, il direttore del Mattino Federico Monga intervisterà la vincitrice. Il Premio viene attribuito ogni anno a giornaliste che si siano distinte nel proprio lavoro. Finora le vincitrici del premio sono state, in ordine cronologico, Natalia Aspesi (Repubblica), Carmen Lasorella (Rai), Giovanna Botteri (Rai), Donatella Trotta (Il Mattino), Daniela Vergara (Rai), Lucia Annunziata (Rai e Huffington Pos), Rosaria Capacchione (Il Mattino), Barbara Stefanelli (Corriere della Sera), Titta Fiore (Il Mattino), Bianca Berlinguer (Raitre), Sarah Varetto (Sky Tg24), Adriana Cerretelli (Il Sole 24ore), Fiorenza Sarzanini (Corriere della Sera), Lucia Goracci (Rai), Myrta Merlino (La7).