FNSI Newsletter
Martedì, 6 aprile 2021
Iniziative
Cronisti intercettati, Fnsi: «La vicenda di Trapani induca il parlamento a proteggere la libertà di stampa»
Tutela delle fonti, querele bavaglio, carcere per il reato di diffamazione. Il caso dei giornalisti “ascoltati” nell’ambito delle indagini sulle Ong, al centro di un evento online organizzato con Articolo21, fa riemergere i rischi che corre il diritto-dovere di informare. Lorusso e Giulietti: «Quanto accaduto è inquietante e inaccettabile. Grazie alla ministra Cartabia per aver inviato gli ispettori».
Libertà di informazione
Tutela delle fonti, la Corte europea boccia le intercettazioni a danno dei giornalisti
Per i giudici, l’accesso ai dati telefonici di una cronista, deciso dalle autorità giudiziarie nazionali per individuare l’autore di un reato, è una sicura violazione dell’articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Le motivazioni nell’analisi della professoressa Marina Castellaneta.
La polemica
Caso Trapani, Usigrai: «Venga reso noto l’elenco completo dei cronisti intercettati»
I rappresentanti dei giornalisti del servizio pubblico chiedono anche che siano spiegate le ragioni per le quali sono state trascritte le intercettazioni dei colleghi irrilevanti rispetto all’inchiesta. «È una vicenda che riguarda la tutela delle fonti e il diritto costituzionale dei cittadini a essere informati», rilevano.
Servizio pubblico
Rinnovo vertici Rai, Cpo Fnsi e Cpo Usigrai: «Le scelte rispettino la parità di genere»
«Sarebbe un segnale importante da parte della prima azienda culturale del Paese, a cui il contratto di servizio chiede il superamento degli stereotipi e la promozione di una cultura rispettosa delle diversità e attenta alla coesione sociale», osservano le commissioni pari opportunità.
Associazioni
Assostampa Sicilia: «Stop allo sfruttamento battaglia decisiva per una informazione di qualità»
Per il sindacato regionale è necessario «rilanciare l’attività dei coordinamenti dei collaboratori lavoratori autonomi già costituiti e sollecitare tutte le realtà dell’Isola a muoversi nella stessa direzione per arrivare in tempi brevi a una mobilitazione che porti gli editori ad un confronto costruttivo sulla necessità di ridurre gli spazi di precariato».
Associazioni
Uffici stampa, Assostampa Sicilia: «Il trattamento adeguato è la contrattazione di categoria»
Sull’Isola, come in tutta Italia, «la professione giornalistica è tra le più sfruttate» e questo vale anche «per portavoce e addetti stampa», rileva il sindacato regionale, che aggiunge: «Che ci sia attenzione economica per chi svolge questi ruoli è giusto: purché non valga solo per gli incarichi fiduciari».
Lutto
Addio a Marina Garbesi, storica firma di Repubblica. Il cordoglio della Fnsi
Per oltre trent’anni alla Cronaca del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari, è stata anche membro del Cdr, vicesegretaria di Stampa Romana, componente della Giunta esecutiva della Federazione della Stampa. Aveva 62 anni.